Alla riscoperta di antichi mestieri artigianali: l’intreccio del vimini per raggiungere la pace interiore

L’utilizzo del vimini in viticoltura ha una tradizione molto lunga. Ad oggi infatti i giovani rami del salice vengono impiegati sia per legare le viti che nella realizzazione di diversi oggetti. Intrecciare il vimini è di fatto una vera e propria arte che richiede particolare manualità, abilità, delicatezza, ma soprattutto calma. La nostra cestaia vi introdurrà nel magico mondo di questa antica tradizione invitandovi a testare personalmente le vostre abilità. Nel corso di una breve visita attraverso il Museo provinciale del vino scoprirete inoltre il ruolo del vinco in viticoltura nonché la straordinaria forza benefica delle lacrime di vite in primavera. Avrete infine la possibilità di provare ad intrecciare il vimini e lo farete all’interno della suggestiva cantina del museo, dove percepirete tutta l’energia che sprigiona questa forma di meditazione. L’oggetto realizzato sarà un bellissimo ricordo da portare con sé a casa.
Durata: ca. 2,5 ore.

Dove: Caldaro al lago

L’esperto: Monika Carli Battisti, agricoltrice e maestra cestaia qualificata, ama lavorare artigianalmente diversi materiali naturali riuscendo a trasmettere la sua passione ed il suo entusiasmo ai corsisti partecipanti. Da diversi anni Monika si dedica in particolare al vimini, impiegandolo per realizzare oggetti decorativi fatti a mano. Padroneggia inoltre una moltitudine di tecniche d’intreccio che illustra in modo chiaro e semplice.

Giorno/periodo/ora: Ogni mercoledì in aprile, maggio e giugno con inizio alle ore 16

Dove: Museo provinciale del vino in centro a Caldaro

Punto d’incontro: Davanti all’Ufficio Turistico di Caldaro

Quota di partecipazione: 15 Euro per adulti e ragazzi dai 14 anni

Info & Iscrizioni: Ulteriori informazioni e iscrizioni (entro martedì sera) presso l’Ufficio Turistico di Caldaro al Lago, Tel. +39 0471 963 169, www.kaltern.com, info@kaltern.com



< indietro Alto Adige Balance
lg md sm xs